Gli adeguati assetti nelle imprese a struttura complessa e nei gruppi societari

    di Paolo Bastia, Professore ordinario presso l’Università di Bologna

    [It] Gli obblighi introdotti in capo all’imprenditore collettivo con il secondo comma dell’art. 2086 c.c. – dotazione di adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili, anche in funzione della prevenzione della crisi e della perdita della continuità aziendale, con la tempestiva adozione di idonei rimedi – sollevano numerose questioni progettuali e attuative, che devono essere calibrate a misura d’impresa, declinando il concetto di adeguatezza, quale clausola generale, alle singole fattispecie.
    L’articolo intende rappresentare, in maniera sistematica, ancorché essenziale, il contributo che la Scienza aziendalistica può ampiamente fornire, con rigore e versatilità, orientando le soluzioni degli amministratori e le valutazioni e i giudizi che anche gli organi di giustizia sono chiamati ad esprimere, tenendo conto del fatto che, al di là dei profili di legittimità, gli adeguati assetti concorrono alla continuità aziendale e alla mitigazione dei rischi, specie per le imprese del nostro paese, a conduzione prevalentemente familiare, con stili di governo e di gestione informali.
    La recente giurisprudenza ed in particolare quella del Tribunale di Roma – 8.4.2020 (Guido Romano) e 15.9.2020 (Pres. Giuseppe Di Salvo, Est. Cecilia Bernardo) – in assoluta coerenza con gli orientamenti della letteratura scientifica, hanno ricondotto le scelte organizzative nell’alveo di quelle strategiche, desumendo la loro insindacabilità, entro i limiti di ragionevolezza e di proporzionalità, secondo natura e dimensione dell’impresa da individuare nel caso concreto.
    La ricerca si pone come fine specifico quello di sviluppare uno schema di analisi e di orientamento delle soluzioni per le grandi imprese a struttura complessa e per i gruppi aziendali, che presentano peculiari esposizioni ai rischi, rispetto alle imprese minori, dovute alla complessità gestionale, all’articolazione a più livelli dei processi decisionali, all’impegno strategico più pronunciato, alla maggiore scala di risorse attivate, con una conseguente più grave ricaduta di eventuali criticità o stati di crisi. D’altro canto, tali organizzazioni economiche possiedono condizioni che, se correttamente orientate, consentono di assolvere agli obblighi di dotazione di adeguati assetti, anche sulla base di una managerialità più evoluta e di unta strumentazione più completa, fornendo esempi imitativi, opportunamente riadeguati, per le imprese minori.

    Parole chiave: Assetti, adeguatezza, insindacabilità, grandi imprese, gruppi, crisi.

    [Eng] The obligations introduced in relation to the collective entrepreneur with the second
    paragraph of art. 2086 of the Italian Civil Code – provision of adequate organizational,
    administrative and accounting structures, also in function of the prevention of the
    crisis and the loss of business continuity, with the timely adoption of suitable remedies
    – raise numerous planning and implementation issues, which must be calibrated on an
    enterprise basis, declining the concept of adequacy, as a general clause, to individual cases.
    The article intends to represent, in a systematic, albeit essential way, the contribution that
    business Science can amply provide, with rigor and versatility, guiding the solutions of the
    administrators and the evaluations and judgments that also the justice bodies are called
    upon to express, taking account of the fact that, beyond the legitimacy profiles, the adequate structures contribute to business continuity and risk mitigation, especially for enterprises in our country, mainly family-run, with informal governance and management styles.
    Recent jurisprudence and in particular that of the Court of Rome – 8.4.2020 (Guido Romano) and 15.9.2020 (Pres. Giuseppe Di Salvo, Est. Cecilia Bernardo) – in absolute coherence with the orientations of scientific literature, have brought back the organizational choices into the strategic ones, deducing their unquestionability, within the limits of reasonableness and proportionality, according to the nature and size of the enterprise to be identified in the concrete case.
    The specific research aim is to develop a scheme of analysis and orientation of
    solutions for large enterprises with a complex structure and for corporate groups,
    which have particular exposures to risks, compared to smaller enterprises, due to
    management complexity, multi-level articulation of decision-making processes, the
    more pronounced strategic commitment, the greater scale of resources activated,
    with a consequent more serious fallout of any critical issues or states of crisis.
    On the other hand, these economic organizations possess conditions which, if correctly
    oriented, allow them to fulfill the obligations of providing adequate assets, also on the
    basis of a more advanced managerial approach and a more complete instrumentation,
    providing imitative examples, appropriately adapted, for smaller enterprises.

    Keyword: Structure, adequacy, unquestionable, large companies, groups, crisis

     

    Leggi l’articolo integrale 7-16.pdf (lamagistratura.it)

    Sfoglia la rivista Fascicolo N.1/2022 | LA MAGISTRATURA

    In foto: Jan Vermeer, Ragazza col turbante, anche conosciuta come Ragazza con l’orecchino di perla, 1665-1666, Mauritshuis, L’Aia